Green Talks: Up2You, la sostenibilità a piccoli passi

416
green-talks-up2you-

Green Talks è un format che si propone di raccontare le storie di startup, e in generale imprese virtuose, che si sono distinte nel campo della sostenibilità ambientale e dell’innovazione digitale.

Per il nostro quarto appuntamento abbiamo scelto di intervistare i ragazzi di Up2You, una startup che si occupa di sostenibilità. 

Abbiamo chiacchierato con Annarita Pasquetto, Digital Marketing Specialist del team di Up2You, e le abbiamo posto qualche domanda per conoscere e far conoscere ai nostri lettori qualcosa in più su questo  inedito modello di business.  

Cos’è Up2You e come nasce? Qual è il background dei founder? 

“Up2You nasce tra le mura della facoltà di Ingegneria del Politecnico di Milano, infatti è proprio lì che  Lorenzo, Alessandro e Andrea – i founder – si sono conosciuti e hanno iniziato a lavorare alla loro idea: le  premesse erano quelle di un progetto personale con un risvolto positivo per il Pianeta. Ci piace definirci una  “Greentech” proprio perché il nostro progetto nasce dal connubio tra sostenibilità e innovazione. Up2You  nasce nel gennaio del 2020 come un progetto fortemente indirizzato verso il settore turistico, ma a causa  della pandemia abbiamo dovuto reinventarci appena pochi mesi dopo aver cominciato.” 

Se volessimo provare a tracciare un profilo, qual è l’utente target che utilizza i servizi di Up2You? 

“Per noi è sempre stato estremamente complesso definire il nostro target di riferimento. Per quanto  riguarda le aziende, offriamo servizi sia a realtà molto piccole, come ecommerce e alberghi, che ad aziende più grosse e strutturate, come  le importanti multinazionali che usano i nostri servizi per ingaggiare i propri dipendenti. Per quanto riguarda gli utenti invece, abbiamo potuto constatare che il target più  attento alle tematiche ambientali è quello tra i 20 e i 40 anni ed è anche quello su cui puntiamo di più.”

Ora che siete focalizzati in diversi settori, come vengono applicate e come si sviluppano le vostre  offerte? 

“Da quando il Covid è entrato a far parte delle nostre vite, Up2You è stato costretto a un repentino cambio  di rotta. Inizialmente eravamo specializzati prettamente nel settore turistico, dopo un iniziale momento di  smarrimento, abbiamo capito che la soluzione stava nel diversificare l’offerta e ancora oggi siamo convinti  che uno dei nostri punti forti sia proprio un’offerta così variegata. 

E così abbiamo creato soluzioni anche per gli ecommerce, per esempio, che sostenendo progetti di tutela ambientale possono azzerare le emissioni di CO₂ che derivano dalle spedizioni dei loro prodotti; o ancora soluzioni per aziende medio-grandi che hanno a cuore l’engagement dei dipendenti.” 

Come calcolate le emissioni Co2 di un’organizzazione e in cosa consistono i vostri progetti di  compensazione? 

“Per prima cosa, sono due i progetti tramite i quali Up2You contribuisce alla tutela dell’ambiente: il primo,  quello più soft, è la messa a dimora di alberi e il secondo, pensato per le realtà più avanzate, è il meccanismo dei crediti di carbonio (carbon credits). 

Chiaramente piantare un albero è un’azione molto semplice ed è probabilmente uno dei modi più noti per aiutare il pianeta; è però importante ricordare che i benefici derivanti dai progetti di  riforestazione sono sempre lenti a realizzarsi e – soprattutto – poggiano su equilibri fragili. Per la  compensazione di CO₂, invece, le cose funzionano diversamente: ogni progetto è stato pensato per catturare sul lungo termine (almeno 100 anni) grossi quantitativi di CO₂ da subito, magari tramite progetti più complessi da realizzare e quindi da comunicare. Un altro elemento importante dei crediti di carbonio è che sono certificati da terza parte e ogni transazione è visibile su di un registro pubblico. ” 

Come funziona il sistema di affiliazione e quali sono i principali vantaggi che riscontra un’azienda ad  usufruire dei servizi Up2You? 

“Come detto, uno dei nostri punti di forza è la grande differenziazione e personalizzazione dell’offerta: i  nostri clienti hanno una grande gamma di pacchetti tra i quali scegliere e tutti possono essere adattati alle  esigenze di qualunque realtà. Il più grande vantaggio che hanno le aziende che decidono di collaborare con  noi è senza dubbio il piano di comunicazione che forniamo in aggiunta a qualsiasi pacchetto selezionato.  Molte aziende che iniziano un percorso di sostenibilità non sanno che la prima cosa da curare in queste situazioni  è proprio la parte comunicativa: non solo per il proprio ritorno comunicativo, ma anche e soprattutto per favorire la sensibilizzazione  della propria platea a temi così delicati.  

Up2You fornisce alle aziende affiliate grafiche e widget da inserire sul proprio sito, mentre sul nostro sito  sono presenti le pagine brand di chi ha scelto il nostro approccio, con tutte le informazioni utili.”

Quanti sono, ad oggi, gli utilizzatori di Up2You e quali sono gli obiettivi previsti per il futuro? 

“Per quanto riguarda le affiliazioni, si tratta di circa un centinaio di clienti, mentre sono oltre duemila gli  utenti che popolano la nostra piattaforma. Abbiamo notato che in Italia questo mercato è ancora parecchio acerbo ma in rapido sviluppo e per questo i nostri servizi sono pensati per un mercato maturo. I risultati finora non possono far altro che  renderci felici, sappiamo che stiamo lavorando bene e che questo settore, per ragioni sociali e politiche,  subirà una forte impennata nei prossimi anni e noi vogliamo essere tra i player di riferimento del settore: vogliamo crescere e  conquistare nuovi mercati con entusiasmo e determinazione.”

Articolo precedenteGreen Talks: Vezua, il marketplace dedicato alla sostenibilità
Articolo successivoLa commissione Europea approva il PNRR del governo Dragh