H&M Italia al fianco di WWF

112

Negli anni ‘50 l’ingegnere svedese Sten Gustav Thulin inventò i sacchetti di plastica con l’obiettivo di creare un prodotto che rispettasse il pianeta, riducendo il consumo di carta, e di conseguenza l’abbattimento di alberi.

La sua idea fu brevettata dall’azienda di imballaggi per cui lavorava, la Celloplast, e inizialmente i sacchetti furono concepiti per essere utilizzati più volte così da creare un prodotto accessibile a tutti, con un impatto positivo per il pianeta. 

Purtroppo le cose non sono andate proprio così, infatti secondo le stime delle Nazioni Unite ogni anno vengono prodotte circa un trilione di buste di plastica, che hanno un impatto inquinante devastante per il nostro pianeta.

H&M si impegna a ridurre il packaging e a sostenere il WWF con il ricavato dei sacchetti di carta

L’azienda di fast fashion svedese, che già da tempo ha accantonato l’utilizzo di packaging in plastica, ha deciso di fare un passo avanti nel rispetto del pianeta: dal 18 di febbraio in tutti i punti vendita italiani i sacchetti targati H&M di carta certificata FSC (Forest Stewardship Council) verranno venduti al prezzo di 0,10 centesimi.

 L’obiettivo è quello di sensibilizzare la propria clientela riguardo temi ambientali, infatti è giusto ricordare che la carta ha comunque un non trascurabile impatto inquinante sul nostro pianeta, ed è giusto incentivare i propri compratori ad arrivare nei punti vendita con un sacchetto per lo shopping portato da casa, o in alternativa finanziare un progetto ambientalista con l’acquisto di un sacchetto di carta H&M.

Infatti l’intera cifra ricavata dalla vendita delle shopping bag verrà devoluta in beneficenza al WWF Italia per la salvaguardia della biodiversità e delle specie a rischio del nostro Paese.

WWF Italia: progetto Oasi

“Vogliamo disincentivare l’utilizzo di sacchetti di carta usa e getta e al contempo incoraggiare i nostri clienti a cambiare le loro abitudini. Con un semplice gesto, come portare la propria borsa quando si fa shopping, è possibile limitare il proprio impatto sull’ambiente. Siamo inoltre felici di poter sostenere WWF Italia e il loro importante lavoro sul territorio italiano”

Francesca L’Abbate, Sustainability Manager di H&M Italia

I fondi raccolti da H&M saranno destinati al progetto Oasi: il più grande progetto del WWF nella nostra penisola che consiste nella conservazione di oltre 100 aree protette tra cui boschi, spiagge e foreste in cui trovano rifugio tante specie di animali in pericolo.

E non finisce qui: H&M inoltre offrirà a tutti gli iscritti al programma fedeltà “Hello H&M Member” la possibilità di vincere una crociera in barca a vela con destinazione Santuario Pelagos accompagnati da un team di esperti del WWF.

Entro il 2025 il colosso svedese si è impegnato a rendere riciclabile, riutilizzabile o addirittura compostabile ogni tipo di imballaggio e packaging utilizzato per i suoi prodotti, a partire dalle etichette per finire con gli scontrini e le carte regalo. Inoltre l’impegno che H&M ha comunicato di aver preso non si limita agli imballaggi, infatti anche l’ottimizzazione dei processi produttivi e dei cicli di vita di tutti i suoi prodotti rappresenta una priorità per l’azienda.

Articolo precedenteIl percorso delle imprese verso la supply chain sostenibile
Articolo successivoUna strategia nazionale per la ripresa delle imprese e dell’economia senza nuocere all’ambiente